Seguici su Facebook Abbonati ai feed RSS

Abbruciamento dei residui vegetali

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 20 Agosto 2014 n. 192 la Legge di conversione del DL 91/2014: Legge 11 agosto 2014, n. 116 (in vigore dal 21 agosto).
La materia degli abbruciamenti dei residui agroforestali è trattata all’art. 14 comma 8.
(Per facilità di lettura SI ALLEGA un estratto del medesimo).
Si sottolinea che la Legge n. 116/2014 ha profondamente cambiato il testo del DL 91/2014.
In particolare:
1) è rimasto il divieto assoluto di abbruciamento nel periodo ad alto rischio di incendi;
2) al di fuori del periodo ad alto rischio dichiarato dalla Regione l’abbruciamento è consentito su tutto il territorio e per tutti i materiali agroforestali, nella quantità massima giornaliera di 3 metri steri ad ettaro ed è considerato normale pratica agricola.
3) i Comuni e le altre Amministrazioni competenti in materia ambientale, possono intervenire SOLO nei periodi al di fuori dell’alto rischio, laddove vogliano sospendere, differire o vietare la combustione dei materiali vegetali in caso di condizioni meteorologiche, climatiche o ambientali sfavorevoli e in tutti i casi in cui da tale attività possano derivare rischi per la pubblica e privata incolumità e per la salute umana.

Allegati