Seguici su Facebook Abbonati ai feed RSS

Lettera del Sindaco Jacopo Marini al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi

Al Presidente della Regione Toscana
Enrico Rossi
Egregio Presidente,
ho appreso in questi giorni sui giornali, a seguito dell’incontro che ha avuto a Firenze lunedì scorso con alcuni sindaci, che il tema della questione economica e sociale dell’Amiata torna ad essere centrale nell’agenda politica della Regione Toscana. E questa è una notizia positiva: dopo tanti anni si torna a parlare di una specificità amiatina e si riparte da un’ipotesi strategica di area per definire le modalità di un rilancio complessivo di questo territorio.

E non importa che questa riflessione sia scaturita a seguito di un incontro avvenuto solamente con quei sindaci che hanno sentito maggiormente la crisi della realtà produttiva della Val di Paglia; lo dobbiamo considerare l’inizio di un percorso positivo che tuttavia non può non coinvolgere anche gli altri comuni dell’Amiata. Occorre però a mio avviso fare attenzione e impostare il problema nel modo giusto pena il rischio di dare risposte parziali e quindi inefficaci quando non addirittura controproducenti. La proposta di rilancio che è venuta fuori dopo quell’incontro passerebbe dalla definizione di un nuovo “Progetto Amiata” che faccia leva sullo sviluppo della geotermia, risorsa di cui l’Amiata è ricca.

A mio modesto avviso questa proposta ha due limiti: il primo è il richiamo al “Progetto Amiata” che fu una risposta assistenzialistica all’emergenza che si verificò con la crisi dell’economia mineraria e, per questo, non produsse nel tempo gli effetti sperati; la seconda è che l’Amiata è una ma possiede tante vocazioni tutte ugualmente importanti e da valorizzare.

Non abbiamo bisogno infatti di politiche assistenziali e temo che la geotermia come la abbiamo concepita finora possa diventare una moderna forma di assistenzialismo che può servire ai sindaci per chiudere con più facilità i propri bilanci o per fare, quando va bene, qualche opera pubblica più o meno importante, senza riuscire però ad essere veramente volano di sviluppo per il territorio. L’attività geotermica oltre ai benefici economici ai comuni deve promuovere uno sviluppo economico duraturo e soprattutto nuova occupazione. Ed abbiamo accolto con favore l’accordo che lei ha recentemente siglato con Enel sullo sconto alle imprese sull’energia e sulla possibilità di sfruttare il “calore geotermico” per fini produttivi. E a tal fine credo che l’interlocutore principale rimanga Enel in particolare con le possibilità che può e deve offrire – impegnandosi però maggiormente rispetto a quanto fatto finora – alle imprese locali con l’indotto derivante dall’attività geotermica.

La geotermia è una risorsa importante, quindi, ma al pari di tante altre che ci sono sull’Amiata e sta a noi trovare il giusto punto d’equilibrio per evitare che si verifichino corto circuiti in un sistema già gravemente in difficoltà e che potrebbe entrare ancora di più in crisi. L’Amiata infatti è anche agricoltura di qualità, è piccola e media impresa manifatturiera, è terzo settore in tutte le sue sfaccettature, è turismo declinato in molte possibilità di offerta. E’ anche patrimonio naturalistico e boschivo da tutelare e mantenere e importante serbatoio d’acqua. Abbiamo sempre offerto il nostro contributo in termini di messa a disposizione di risorse, compresa quella energetica.

Ora però serve una strategia integrata che riesca a valorizzare questo straordinario patrimonio. Non serve una ricetta calata dall’alto. Occorre coinvolgere tutte le istituzioni, insieme alle forze economiche e sociali dell’Amiata e se c’è una cosa che lei può fare è aiutarci nella definizione di una sintesi che, purtroppo, troppo spesso, abbiamo colpevolmente, noi amiatini, stentato a realizzare limitando per questole nostre grandi potenzialità.

Bene la geotermia come motore di sviluppo laddove i territori e le loro istituzioni la vorranno. Ma evitiamo le forzature, sia dove i territori hanno già dato, come nell’area di Bagnore per esempio, sia nella Val d’Orcia grossetana dove sono stati fatti di recente investimenti ingentissimi in agricoltura e dove la geotermia produrrebbe quindi un danno economico più che un guadagno.

Non vogliamo assistenzialismo ma le vogliamo comunque chiedere un aiuto: ci stia vicino Presidente, stia vicino a noi nella difesa e valorizzazione del nostro territorio sia quando qualcuno cerca irresponsabilmente di ferirne l’immagine come purtroppo troppo spesso avviene, sia quando siamo impegnati a disegnare tutti insieme un futuro positivo per l’Amiata.
Certo del sostegno che saprà offrirci e aspettandola sull’Amiata, la saluto cordialmente.

Jacopo Marini
Sindaco di Arcidosso