Seguici su Facebook Abbonati ai feed RSS

Un SMS contro spaccio e bullismo: 43002

Il Ministro dell’Interno, in occasione dell’avvio dell’anno scolastico 2014-2015, ha diramato una specifica direttiva volta ad avviare una rinnovata azione di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti ed al fenomeno del bullismo, che possano vedere coinvolti come vittime o autori gli studenti, attraverso l’attivazione di un Servizio SMS con un numero dedicato.

Allo scopo di favorire anche il contributo dei cittadini attraverso nuove e più moderne modalità di ascolto e comunicazione, particolare importanza assumerà l’attivazione di tale utenza telefonica dedicata, attestata presso la sala operativa di ciascuna Questura:
si tratterà di un numero verde gratuito che consentirà di ricevere via SMS e gestire in forma protetta le segnalazioni( anche prive di identificativo di chiamata) relative a situazioni o episodi di spaccio e bullismo sul territorio.

Il Ministero dell’Interno ha curato l’istituzione, per l’intero territorio nazionale, di un’unica utenza telefonica, alla quale gli interessati(studenti, genitori, insegnanti, etc..) potranno inviare un sms per segnalare gli episodi di spaccio di sostanze stupefacenti e di bullismo eventualmente rilevati all’interno degli istituti scolastici ovvero nelle immediate vicinanze.

Le segnalazioni pervenute, con o senza identificativo del chiamante, verranno trattate con modalità protette, nei limiti della vigente normativa.

Il numero prescelto per il servizio è il 43002 numero verde gratuito.

Sarà attivo anche a Grosseto da lunedì prossimo, 27 ottobre, il nuovo servizio di segnalazione che il ministero dell’interno ha istituito per contrastare i fenomeni del bullismo e dello spaccio di stupefacenti tra i giovani.

Come funziona – Grazie al sistema messo appunto con la collaborazione della Telecom, gli sms saranno diramati verso la questura di competenza rispetto alla provincia dal quale viene inviato l’sms. In particolare ogni messaggio dovrà essere preceduto dalla sigla della provincia dalla quale si scrive. Per fare un esempio per inviare un messaggio dalla nostra provincia basterà scrivere “GR” e poi il testo della segnalazione che grazie al sistema di protezione sarà anonima. Nel caso in cui si invii un messaggio privo della sigla della provincia un messaggio automatico avvertirà di inviare nuovamente il testo con l’aggiunta della sigla. Tutto questo sarà gratuito indipendentemente dal gestore della linea telefonica. Una volta arrivato l’sms in questura, questo sarà poi analizzato dal tavolo tecnico “ad hoc” e poi girato alle varie forze dell’ordine.

Articoli correlati: Sms contro il bullismo e lo spaccio